Consorzio Industriale Provinciale Oristanese

mappa del sito
spacer

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

  News - Consorzio

Marchio di qualità per il compost prodotto nell’impianto di trattamento dei rifiuti di Arborea
14 mag 12 10:50
Scritto da Ufficio Comunicazione


MARCHIO DI QUALITÀ PER IL COMPOST PRODOTTO NELL’IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI DI ARBOREA
Il fertilizzante frutto della lavorazione dell’umido organico si chiamerà “Compost Sardegna”. La certificazione è prevista entro l’anno mentre la commercializzazione del prodotto è già pianificata per la prossima estate ad un prezzo promozionale

Entro il 2012 il compost prodotto nello stabilimento dei rifiuti solidi urbani di Arborea sarà riconosciuto con un marchio di qualità certificato dal C.I.C., il Consorzio Italiano Compostatori.

Se n’è parlato lo scorso 11 maggio all’hotel Horse Country di Arborea durante il convegno “Il compost di qualità per una agricoltura moderna” organizzato dal Consorzio Industriale Provinciale Oristanese e dalla società Intercantieri Vittadello che gestisce l’impianto.

Tra le linee strategiche previste dalla Regione per la promozione dell’utilizzo in agricoltura del compost (frutto della lavorazione dell’umido organico), c’è anche la certificazione di qualità del prodotto made in Sardegna. A spiegarlo nel suo intervento è stato Salvatore Pinna, responsabile del Servizio tutela dell’atmosfera e del territorio dell’assessorato regionale della Difesa dell’Ambiente che ha riconosciuto come in Sardegna, Oristano è la provincia più virtuosa nella raccolta differenziata. «Nel 2010 ha raggiunto quasi il 61% nel recupero della frazione organica», ha fatto notare Pinna, «considerato che l’imperativo di legge prevede una percentuale del 65% auspichiamo che entro l’anno si riesca a conseguire questo obiettivo».

Del marchio “Compost Sardegna” ne ha parlato anche il direttore tecnico del Consorzio Italiano Compostatori, Massimo Centemero, il quale ha illustrato le caratteristiche e i requisiti di legge che deve avere un compost di qualità. «Nei prossimi mesi il marchio del prodotto sardo sarà una realtà», ha commentato.

Intanto, la commercializzazione del compost lavorato nel sito di Arborea prenderà il via entro l’estate e, «considerata la fase sperimentale sarà proposto alle aziende agricole ad un prezzo promozionale», assicurano dal Consorzio Industriale Provinciale di Oristano.

Vista l’ottima risposta che ha avuto l’utilizzo del compost e l’andamento delle vendite in altre aree della Sardegna ci sono buone prospettive anche sul futuro della commercializzazione di quello prodotto nell’impianto di Arborea. «Il marchio di qualità è un elemento determinante per convincere i clienti a comprare il prodotto», ha sottolineato nel suo intervento durante il convegno Emerenziana Salis, esperta nella commercializzazione del compost.

Concluso il convegno, dopo i quesiti del pubblico ai relatori, si è svolta la visita all’impianto di trattamento e valorizzazione dei rifiuti solidi urbani di Arborea, in località Masangionis in occasione della quale, il parroco del paese della Bonifica don Silvio Foddis, ha benedetto la struttura. «Siamo pienamente soddisfatti per la buona partecipazione sia al convegno sia alla visita all’impianto», ha dichiarato il presidente del Cip (Consorzio Industriale Provinciale) di Oristano, Claudio Atzori. «Un’occasione grazie alla quale si è potuto far conoscere l’impianto da vicino ed osservare il suo corretto funzionamento». Dopo la visita alle varie linee di lavorazione dell’impianto, nel piazzale in prossimità della struttura amministrativa, è stato servito un buffet per tutti i partecipanti che hanno potuto gustare i cibi e constatare l’assenza di odori sgradevoli fuori dallo stabilimento.

Tra le autorità presenti il prefetto, Giovanni Russo, il presidente della Provincia, Massimiliano de Seneen, il consigliere regionale Mario Diana, il presidente della Commissione provinciale dell’Ambiente Bepi Costella, il commissario straordinario del Comune di Oristano, Giovanni Antonio Ghiani, il sindaco di Arborea, Pierfrancesco Garau e quello di Marrubiu, Andrea Santucciu e numerosi altri sindaci della provincia di Oristano.




Letta 1656 volte


Notizia precedente
Compost di qualità dai rifiuti trasformati nell’impianto di Arborea. È l’avvio di un’agricoltura all’avanguardia


Notizia successiva
Il Cic sceglie l'impianto dei rifiuti di Arborea per un corso formativo regionale sulla produzione di compost e biogas