Consorzio Industriale Provinciale Oristanese

mappa del sito
spacer

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

  News - Consorzio

Presentazione dell’impianto per la valorizzazione delle raccolte differenziate secche
22 mag 15 16:53
Scritto da Segreteria Consorzio


Oggi è stata organizzata ad Arborea, presso il Teatro dei Salesiani, la presentazione dell’Impianto di Valorizzazione delle Raccolte Differenziate Secche. Dopo i saluti del Sindaco Pier Francesco Garau, dei Rappresentanti dell’Assessorato Regionale della Difesa dell’Ambiente, del Consorzio Industriale e del Gestore dell’Impianto Intercantieri Vittadello SpA, il programma prevede le Relazioni dell’Ing. Salvatore Pinna dell’Assessorato Reg.le della Difesa Ambiente “Il ruolo dell’Impianto di Arborea nelle raccolte differenziate regionali”, dell’Ing. Salvatore Daga del Consorzio Industriale “Descrizione dell’impianto e modalità di funzionamento delle linee di selezione” e dell’Ing. Giuliana Fadda dell’Intercantieri Vittadello SpA “Le raccolte differenziate. Consorzi di filiera. Codici e prodotti. Conferimento dei teli dell’agricoltura” e, alla chiusura dei lavori, la visita all’Impianto di valorizzazione.
L’Impianto di selezione e trattamento delle frazioni secche valorizzabili raccolte in modo differenziato è stato realizzato in località Masangionis ad Arborea all'interno dell'area dove già sono in esercizio dal 2012 le altre due sezioni che trattano l’umido, con la produzione di compost di qualità, e il secco residuo indifferenziato.
Con questa nuova sezione dell’impianto, realizzata grazie ad un finanziamento di 5,5 milioni di euro erogato dall’Assessorato Regionale della Difesa dell’Ambiente nell’ambito del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, viene completata la piattaforma complessa di trattamento dei rifiuti programmata per la Provincia di Oristano dalla Regione Sardegna nell’ambito del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti.
Nell’impianto vengono effettuate operazioni di selezione e recupero dei seguenti rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata comunale e/o privata:
• Carta e cartone;
• Plastica (imballaggi e teli in materiale plastico);
• Metalli (lattine in acciaio e alluminio);
• Vetro;
• Legno.
La linea di selezione e trattamento è costituita da una serie di macchinari posti all’interno di un capannone prefabbricato della superficie di circa 2.200 mq dotato di impianto di estrazione e depolverazione dell’aria, dalle aree di accumulo dei rifiuti in ingresso e dalle aree di stoccaggio dei rifiuti/materie prime secondarie ottenuti a valle dei diversi processi di trattamento.
L’impianto di selezione/trattamento è sinteticamente costituito dalle seguenti sezioni:
- Area di scarico e controllo qualità dei rifiuti in entrata;
- Caricamento in linea (con eventuale apertura sacchi);
- Selezione meccanica con separatore balistico a doppio stadio;
- Selezione manuale;
- Selezione meccanica dei metalli ferrosi;
- Selezione meccanica dei metalli non ferrosi;
- Pressatura;
- Aree di stoccaggio materiali selezionati.
Il processo di trattamento consente di effettuare le seguenti operazioni:
- Selezione e pressatura delle frazioni plastiche e metalliche (multimateriale leggero);
- Selezione e pressatura delle frazioni cellulosiche;
- Selezione e pressatura di rifiuti misti comunque valorizzabili.

Potranno essere conferite sia le raccolte differenziate urbane dei Comuni, sia le raccolte differenziate dei privati.
Ad esempio, un utile ed atteso servizio verrà reso agli agricoltori con il ritiro dei teli dell’agricoltura che dopo pressatura verranno inviati agli impianti di recupero.
L’Impianto ha già avviato l’iter di accreditamento presso i Consorzi di filiera ed in particolare con il consorzio COREPLA.
Nelle more della definizione dell’accreditamento l’impianto partirà come Centro Comprensoriale intermedio per l’esecuzione di operazioni di eliminazione delle frazioni estranee e, nel caso di multi materiale leggero (plastica mista a lattine di acciaio e alluminio), per la separazione delle diverse frazioni.
La presentazione dell’impianto è un’occasione per avviare i contatti con le Amministrazioni Comunali e con le Ditte che operano le raccolte in vista della prossima operatività dell’Impianto, al fine di far incontrare le esigenze dei futuri utilizzatori con le prestazioni che può dare l’impianto.
Per quanto riguarda i materiali cellulosici, potranno essere effettuate diverse tipologie di pulizia a seconda della qualità del materiale in arrivo. Si va da un semplice controllo a pavimento prima dell’avvio a pressatura in caso di ricezione di materiali già soggetti a preliminare selezione all’atto della raccolta (p.es. cartone), ad una selezione meccanica con il vaglio balistico a doppio stadio, seguita da una ulteriore pulizia in cabina di selezione.
La valorizzazione delle lattine in acciaio ed alluminio sarà effettuata in modo meccanico, le prime mediante separatore magnetico a tamburo e le seconde mediante separatore a correnti parassite in grado di agire selettivamente sui metalli non ferrosi.
Il vetro potrà essere conferito solo monomateriale è la valorizzazione prevista attraverso limitati interventi di controllo a terra, in fase di scarico e accatastamento del materiale per l’individuazione di materiali indesiderati grossolani.
L’impianto, funzionalmente connesso con il resto della piattaforma di trattamento rifiuti per alcuni servizi generali, verrà gestito dalla Società Intercantieri Vittadello SpA, che ha la gestione delle altre due sezioni di trattamento rifiuti: compostaggio e trattamento/smaltimento del secco residuo.
La forza lavoro stimata per la nuova sezione di impianto è stimata in 4 unità fisse ed un numero variabile di unità avventizie da impiegare in funzione dei quantitativi di rifiuti che perverranno dalle raccolte differenziate.
Considerata la natura dei materiali lavorati non si prevede alcun impatto aggiuntivo sull’ambiente.




Letta 950 volte


Notizia precedente
Programma garanzia giovani: supporto gratuito per incontro domanda/offerta di impiego


Notizia successiva
Anche per il 2014 il Bilancio del Consorzio Industriale chiude in utile