Consorzio Industriale Provinciale Oristanese

mappa del sito
spacer

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

  News - Consorzio

Per l'area di crisi di Oristano oltre 5 milioni e mezzo di euro in più. Soddisfazione del Cipor per i progetti dell'area industriale in graduatoria
13 nov 13 20:12
Scritto da Ufficio Comunicazione


AREA DI CRISI, OLTRE 300 PROGETTI DELL'ORISTANESE IN GRADUATORIA  
Nell’elenco delle iniziative ammesse ad accedere alla seconda fase del bando anche dodici imprese con progetti nell’Agglomerato industriale di Oristano

Ci sono anche dodici manifestazioni di interesse per progetti nell’area industriale del capoluogo oristanese nella graduatoria sul bando territoriale per la Sardegna Centrale Area di crisi di Oristano.

Nell’elenco delle iniziative ammesse sono risultati poco più di 100 i progetti presentati sul bando territoriale da imprese del capoluogo e 203 le manifestazioni di interesse in graduatoria presentate da imprenditori della provincia di Oristano.

Tra le iniziative ammesse alla fase successiva del bando, una dozzina si riferiscono a iniziative nell’agglomerato industriale di Oristano: 8 progetti del settore manifatturiero per un totale di contributi richiesti pari a 1.346.597,98 euro; 2 progetti del settore agroalimentare per un totale di 462.500 euro; 2 iniziative nel settore turismo (non prioritarie) che hanno richiesto un contributo complessivo pari a 416.091,39 euro.

Quattro delle dodici imprese in graduatoria hanno richiesto il contributo per avviare una nuova attività (3 nell’agglomerato Nord e una nel corpo Centrale dell’area industriale), mentre 8 aziende (tre già esistenti nel corpo Nord e 5 in quello Centrale) lo hanno chiesto per potenziare l’attività già esistente.

Il fabbisogno di risorse stimato per l’area di crisi di Oristano ammontava a 23 milioni di euro, ma data la consistenza delle richieste di contributo presentate dagli imprenditori dell’Oristanese ne sono stati assegnati oltre 5milioni e mezzo in più, mediante la rimodulazione degli stanziamenti previsti per le diverse aree di crisi.

Il commento del manager del Consorzio Industriale Provinciale Oristanese, Marcello Siddu (nella foto), sui risultati di questa prima fase del bando è positivo: «Siamo soddisfatti perché la provincia ha dimostrato una certa propensione all’investimento e la volontà di fare impresa nel nostro territorio, sia come numero di domande presentate che come entità degli investimenti proposti rispetto allo stanziamento inizialmente previsto», e conclude: «L’auspicio ora è quello che resti alta la percentuale delle iniziative che risulteranno beneficiarie delle agevolazioni dopo la seconda fase del bando».

L’Ente consortile, in collaborazione con il Comune di Oristano, in questi mesi ha supportato gli imprenditori alle prese con le procedure di iscrizione e partecipazione al bando, attraverso gli appositi sportelli territoriali attivati presso i due enti.

Gli operatori del Cipor restano a disposizione delle imprese ammesse al prossimo step del bando per supportarle nella predisposizione delle domande digitali da trasmettere per poter usufruire degli incentivi.




Letta 1345 volte


Notizia precedente
Area di crisi: online l'elenco delle iniziative ammesse. 12 i progetti nell'area industriale di Oristano risultati coerenti


Notizia successiva
Festività natalizie, chiusura uffici consortili