Consorzio Industriale Provinciale Oristanese

mappa del sito
spacer

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

  News - Consorzio

Le dichiarazioni del presidente del Consorzio, Claudio Atzori, sull'Area di crisi: «Procedure finalmente sbloccate»
17 mag 13 13:35
Scritto da Ufficio Comunicazione


INTERVENTI AREA DI CRISI: «PROCEDURE FINALMENTE SBLOCCATE»
Il presidente del Consorzio Industriale Provinciale Oristanese Claudio Atzori commenta l’atteso avvio delle fasi dei Progetti di Sviluppo Locale rimasti in stand by per oltre 2 mesi

La notizia della pubblicazione del bando per l'area di crisi della Sardegna Centrale, in cui rientra anche quella di Oristano, viene accolta con soddisfazione dal Consorzio Industriale Provinciale Oristanese 

«Gli imprenditori aspettavano la pubblicazione di questo bando dallo scorso marzo», dichiara Atzori e prosegue: «In una situazione di difficoltà estrema quale è quella in cui si trova il nostro territorio, questi interventi possono dare un’opportunità alle imprese per rilanciare la propria attività o per avviarne una nuova. Noi informeremo tutte le aziende dell’agglomerato industriale e organizzeremo un altro incontro rivolto agli imprenditori interessati a beneficiare delle azioni dei bandi, ai quali cercheremo di dare il nostro supporto per comprendere meglio le procedure di partecipazione. L’unico rammarico», sottolinea il presidente del Cipor, «resta l’esclusione di Arborea e del Terralbese dagli aiuti che penalizza le aziende e le comunità della provincia che vivono ugualmente in condizioni di sofferenza economica».

Sono oltre 160 le aziende localizzate nell’area industriale del capoluogo. Tra esse sono diverse quelle che operano nei settori manifatturiero, agroalimentare, turismo e infrastrutture, tra i quali verranno ripartite le risorse stanziate per l’area di crisi di Oristano, pari a circa 30 milioni di euro.

 




Letta 1248 volte


Notizia precedente
Area di crisi Oristano: procedure sbloccate. Lunedì 20 maggio pubblicazione del bando e avvio della fase operativa dei progetti.


Notizia successiva
La UE dimentica il porto industriale: «Escluso perché non si conoscono le sue potenzialità»