Consorzio Industriale Provinciale Oristanese

mappa del sito
spacer

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

  News - Consorzio

L’Inail finanzia le imprese che investono in salute e sicurezza nei luoghi di lavoro
14 gen 13 17:41
Scritto da Ufficio Comunicazione


CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER LE IMPRESE CHE MIGLIORANO I LIVELLI DI SALUTE E SICUREZZA NEL POSTO DI LAVORO
Da domani, martedì 15 gennaio, le aziende interessate possono compilare la domanda online per essere ammesse all'incentivo

Incentivare le imprese a realizzare interventi per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. È questo l’obiettivo del bando ISI 2012 promosso dall’Inail, l’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, che per la Sardegna ha stanziato un finanziamento di oltre 4milioni e 500mila euro a favore delle aziende che presentino un progetto di investimento o un progetto per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale.

L’incentivo consiste in un contributo in conto capitale, a fondo perduto, pari al 50% dei costi del progetto. L’importo del contributo massimo erogabile è di 100mila euro, quello minimo di 5mila.

È prevista l’anticipazione del 50% del finanziamento per le imprese il cui progetto comporti un contributo pari o superiore a 30mila euro.

Destinatarie dei contributi sono le imprese (anche individuali) iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura.

Per richiedere gli incentivi è importante rispettare i termini e le modalità di presentazione delle domande in modalità telematica. Ecco come procedere:

Il primo passaggio obbligatorio per accedere alla procedura di compilazione della domanda è possedere un “codice cliente” registrato negli archivi dell’Inail (le imprese non in archivio potranno iscriversi attraverso il portale www.inail.it nella sezione “Punto cliente” – ditte non Inail-Anagrafica).

Da domani (martedì 15 gennaio) e sino alle ore 18 del 14 marzo 2013, le imprese interessate possono procedere alla compilazione e al salvataggio delle domande online da effettuare sul sito www.inail.it – Punto cliente, in cui sarà disponibile una procedura informatica per l'inserimento della domanda con la possibilità di effettuare simulazioni ed eventuali modifiche per verificare se si è raggiunto il punteggio minimo di ammissibilità, la cui soglia minima è pari a 120 punti.

La domanda può essere modificata e nuovamente salvata sino al 14 marzo. Dopo tale data le domande salvate non saranno più modificabili.

Dal 18 marzo 2013, le domande delle imprese con un punteggio pari o superiore alla soglia minima di ammissibilità prevista (120 punti) potranno accedere alla procedura informatica per scaricare il proprio codice identificativo e inoltrare la richiesta online.

Dall’8 aprile 2013 sul sito dell’inail, www.inail.it, verrà pubblicata la data e l’ora di apertura e chiusura dello sportello telematico per l’inoltro online delle domande.

Entro 7 giorni dalla chiusura dell’ultima sessione di invio online, verranno pubblicati nel portale dell’Inail gli elenchiin ordine cronologico di tutte le domande inoltrate. Dal giorno successivo, le imprese avranno a disposizione 30 giorni per trasmettere (tramite Pec) alla sede Inail competente tutta la documentazione prevista.

Qualora si risulti ammessi all’incentivo, l’impresa ha 1 anno di tempo per realizzare e rendicontare il proprio progetto, ed entro 90 giorni dal ricevimento della rendicontazione, viene erogato il contributo.

A tutte le imprese, si raccomanda di dotarsi di un indirizzo Pec, Posta elettronica certificata, da indicare in fase di compilazione della domanda online, indispensabile anche per ricevere tutte le comunicazioni da Inail che verranno trasmesse attraverso questa modalità.

Per informazioni e assistenza: Contact Center – telefono 803164. 

 

 




Letta 3194 volte


Notizia precedente
Attivazione tirocini formativi. Dal 15 gennaio via all'inoltro delle richieste


Notizia successiva
Tirocini formativi: gli hacker fanno saltare la procedura di attivazione nel portale. Chiesto l’annullamento